Risarcimento diretto: la compagnia assicuratrice deve rimborsare le spese legali stragiudiziali al p


Il "Decreto Bersani" nel 2006 ha introdotto nell'art. 139 del Codice delle Assicurazioni private il c.d. "risarcimento diretto" il quale prevede che, nel caso di scontro tra due veicoli, il danneggiato si deve rivolgere alla propria compagnia assicuratrice per la liquidazione dei danni al veicolo, dei danni a cose e per lesioni fino al 9% di invalidità permanente.


Alcuni giorni dopo l'entrata in vigore del "Decreto Bersani" veniva introdotta la norma regolamentare di cui all’art. 9 comma 2 del d.p.r. 18.07.2006 n. 254, secondo cui la compagnia non doveva rimborsare le spese legali di assistenza al cliente-danneggiato che si faceva assistere da un avvocato.


I giudici di merito (con numerose sentenze) ed infine la Corte di Cassazione hanno però sancito che il cliente è "parte debole" nel rapporto con la compagnia assicuratrice e che le spese legali necessarie al danneggiato da sinistro stradale vanno risarcite se necessarie alla tutela dei propri diritti, per cui va disapplicata la norma regolamentare di cui all’art. 9 comma 2 del d.p.r. 18.07.2006 n. 254 in quanto nulla per contrasto con l’art. 24 della Costituzione.

Capita infatti che il danneggiato si rivolga al proprio assicuratore come ad un amico, credendo che gli venga riconosciuto ciò che gli spetta soltanto per averne fatto richiesta.


Nella realtà invece la fase della trattativa stragiudiziale (in cui si conviene nell'accordo tra le parti il "se" ed il "quanto" del risarcimento), spesso iniziata nell'agenzia dell'assicuratore, viene poi gestita e portata avanti per la compagnia assicuratrice da organizzati studi di periti e liquidatori e nella maggior parte dei casi si risolve a svantaggio del danneggiato il quale, solo e sprovveduto, si vede rispondere che non vi sono i presupposti per un risarcimento o si vede riconosciuto un risarcimento assai inferiore a quello sperato.


Il danneggiato, non volendo assumersi gli oneri ed i rischi di una causa legale, spesso abbandona ed accetta ciò che gli viene risposto o proposto.


E' evidente il vantaggio economico per il sistema assicurativo !


Concludendo: in caso di incidente stradale, anche quando vi rivolgete alla vostra compagnia assicuratrice, fin dall'inizio fatevi sempre assistere da un avvocato: se la vostra richiesta è fondata le spese di assistenza legale vi devono essere sempre rimborsate!




Pubblicazioni in primo piano
Pubblicazioni recenti